TRIESTE HALF MARATHON: tornare bambini.

Gita fuori porta per le nostre atlete Francesca Segatto e Luisa Parisi che portano i nostri colori fino in Friuli. Quest’ultima ci propone il suo resoconto,  e come sempre traspare la  sua “passione”!

TRIESTE HALF MARATHON: tornare bambini. Stavo beatamente assaporando il piacere della corsa senza obiettivo, quando un’amica mi propone la mezza di Trieste: “dai che è tutta in discesa!”. La prima cosa a cui penso è: “quindi ci si fa male…”. Perché la discesa – questa sconosciuta! – si sa che ti fa sentire leggero e ti illude che tu possa “andare” senza pagarla. Guardo le previsioni meteo: temperature fra i 24 ed i 29 gradi. Penso e ripenso ma ovviamente … mi iscrivo. Meno di 2.000 iscritti: praticamente poco più di una corsa di paese! Amo Trieste, amo il mare; meno la partenza alle 9:35, quando già fa troppo caldo, ma tant’è. Si parte con un’inaspettata salita, ma poi inizia da subito la discesa, inizialmente dolce. Tutti cerchiamo l’ombra, perché da subito il sole disturba. Sin dal primo ristoro troviamo anche alimenti, frutta e barrette … la mia salvezza. Scelgo di correre portandomi la bottiglietta d’acqua in mano, versandomene metà sulla testa. Così per tutti i 21.097 km. Arrivo al decimo senza davvero accorgermene, attenta a tenere il passo, onde evitare di scoppiare più avanti. Dal decimo si apre la vista del mare e, malgrado l’assenza di ombra, la discesa si fa netta e correre diventa un po’ come giocare! Sono tornata bambina e me la godo alla grande! 5 km di mare, sole e passo (per me) lesto. Si arriva al km 16 ed inizia il lungomare, improvvisamente piatto, almeno all’apparenza. Penso: “dai che è fatta; ora ci sarà gente ad incitare e si arriva”. E invece di gente bene poca, ma in compenso arriva un senso di sbandamento. Caldo, troppo caldo. Vedo nemmeno troppo bene. Per un momento penso solo all’ombra, medito di uscire da quell’asfalto e continuare su una parte ombreggiata. Poi penso: “ci manca solo che mi squalifichino!”. Così proseguo, rallentando, talvolta camminando. Una crisi che dura 4 km. Quando finalmente riconosco Piazza dell’Unitá e penso solo alla medaglia! Come al solito, accelero più che posso, perché non ne posso più. Arrivo e mi dico: mai più con questo caldo! E forse se lo dice anche lo sconosciuto che taglia il traguardo un attimo prima di me, per giunta con la stessa canotta:-) Mi mettono la medaglia al collo (la più brutta che abbia mai visto) ed inizia la scarica di endorfine; quella che a tutt’oggi non passa:-)

Luisa Parisi

medLui 31949042_2120856061532016_3360871699359727616_n

trieste

3a Bibione Half Marathon

Non vorremmo nominare il solito Filippo Dabalà  e il suo 4° posto di categoria perché onestamente ci sta stufando.  Quindi ringraziamo tutti i 22 nostri atleti che hanno partecipato a questa meravigliosa competizione e segnaliamo Anna D’Acqua per il suo 10° posto di categoria.

Naturalmente dopo la classica, ecco delle foto dei nostri atleti
bibione

 

ps Chiediamo ai nostri atleti di non pubblicare le loro foto post gara con delle coppe gelato formato famiglia perché siamo invidiosi.

Aidone Fabio

 

A Padova fa caldo

“Caldo anomalo”, “caldo fuori stagione”, “domenica di stampo estivo”.

I bollettini meteo lo avevano annunciato ed è stato proprio così: la 19ma Padova Marathon, con la sua corsa “Regina”, la mezza e le stracittadine (che assieme hanno raccolto la bellezza di 23 mila partecipanti) verrà ricordata per un clima che, rispetto al periodo primaverile, si è rivelato straordinariamente torrido.

Tanti, praticamente tutti, compreso qualche top runner che non ha avuto problemi ad ammetterlo nelle dichiarazioni del dopo gara, sono stati messi a dura prova. Ma la parola “straordinario” merita di essere declinata su vari fronti. Innanzitutto sotto il profilo della partecipazione e del pubblico: sono stati oltre 3.500 i podisti delle due gare competitive che hanno incrociato i loro percorsi dopo il 26mo chilometro della maratona fino al traguardo di Prato della Valle. Un serpentone fitto, nel quale si percepivano non solo i segni della fatica ma anche quelli della solidarietà tra atleti (“ti serve un po’ d’acqua?” mi ha chiesto ad un certo punto un concorrente allungandomi la sua bottiglietta) e quelli del sostegno da parte delle tante persone che a bordo strada, di paese in paese, incoraggiavano e applaudivano.

La Padova Marathon è stata straordinaria anche per l’organizzazione: un presidio sanitario costante lungo tutto il percorso (a dir poco indispensabile, viste le non poche situazioni di crisi in cui si sono ritrovati gli atleti), punti-ristoro e di spugnaggio ben riforniti ed efficienti (protagonisti assoluti gli Alpini e la Protezione Civile).

Tutti elementi che hanno reso il nemico-caldo più sopportabile.

Vista con l’occhio del principiante (un camminatore che si misura con le mezze maratone) questa giornata lascia molte sensazioni positive. Innanzitutto quella legata al valore della fatica che ti porta a tagliare il traguardo e poi magari, come è successo a me, a nasconderti sotto la canotta per non rivelare agli altri un pianto che non sai spiegare. Contemporaneamente un richiamo forte al rispetto dei propri limiti, alla gestione del proprio corpo, all’istinto di capire quando e quanto si può osare di fronte alle difficoltà senza farsi male.

Straordinari, come sempre, sono stati i portacolori del Running Team Mestre, presenti con un drappello di una decina di atleti. Da sottolineare nella mezza maratona le prove di Filippo Dabalà (1:21:22, in 33ma posizione finale) e di Francesco D’Angelo (1:25:59, che ha chiuso al 55mo posto). Per le donne Arianna Zennaro ha chiuso la sua mezza con il tempo di 2:23:47 e Roberta Fuga ha fermato il cronometro a 2:36:36.

Ora è davvero arrivato il tempo di andare in spiaggia. A prendere il sole? No, un gruppo nutrito di RTM è già pronto a ripartire da Bibione. Appuntamento il prossimo 6 maggio, magari con qualche refolo di vento in più che di certo non guasta…

Stefano Ciancio

 

Ed ecco i tempi di tutti i nostri atleti.

padova

 

16/06/2018 – Sunset Run

Segnaliamo al nostro team e ai runner del Veneziano che ci seguono che Sabato 16 giugno, al tramonto, si terrà la prima edizione di Sunset Run tra le meraviglie naturali e incontaminate di Cavallino – Treporti!

La corsa è organizzata dai nostri due atleti Ferdinando Capobianco e Simone Scarpa e siamo felici di poterli aiutare facendogli un po’ di pubblicità. Sunset Run avrà inizio alle ore 19.30 con partenza da Lio Grando in zona darsena (Punta Sabbioni) e terminerà in Piazza Santa Maria Elisabetta a Cavallino.

locandina Sunset Run BOZZA 1

 

Giuseppe Corigliano

La segreteria si sposta

Tag

,

Il negozio Vidotto Sport che ospitava la Segreteria di Running Team Mestre chiude.

Grazie alla nostra atleta Susanna Grego e alla sua socia Micol Ferretto che gentilmente mettono a disposizione il loro ufficio, la segreteria non rimarrà chiusa a lungo. Infatti, già a partite dal 2 maggio, potrete trovarci presso CAFLF, in via San Donà 236 a Mestre. Per chi volesse raggiungerci con i mezzi pubblici la sede si trova a 100m dalla fermata ACTV Pineta in direzione Favaro.

sandona

Il Direttivo

22/04/2018 – Sarnico Lovere Run

Tag

, ,

 

La Sarnico Lovere Run è una corsa di circa 26 km unica nel suo genere perché si svolge sulla strada che costeggia il lago d’Iseo. Il tragitto è stato pensato per esaltare la bellezza degli scorci lacustri della sponda bergamasca, che si susseguono rapidamente, sottolineando colori, vegetazione e fauna.

A darsi appuntamento alla partenza della gara, questa mattina 4 nostri atleti: Ivana Vianello, Filippo Zanon, Stefano Tosi e Giorgio Baldin. E’ proprio Giorgio che ci invia la sua foto da finisher con la medaglia!

photo_2018-04-22_19-43-24

 

Ed ecco infine i tempi ufficiali dei nostri 4 compagni di squadra.

Cattura

 

Giuseppe Corigliano

15/04/2018 – Vivicittà – Mestre 2018

Tag

, ,

Domenica 15 Aprile si è corsa anche la Vivicittà – Mestre 2018. La corsa ha radunato circa 600 runners al Forte Marghera. Alle 9.30 il via della manifestazione. Due i percorsi previsti: 6 e 12 km. La gara ha raggiunto il centro di Mestre passando per Piazza Ferretto, percorrendo alcuni kilometri all’interno di Parco San Giuliano e si è conclusa nuovamente al Forte.

Running Team Mestre si è classificata seconda come squadra più numerosa con ben 40 atleti iscritti.

30726813_330612580798388_1454777776174268416_o

Ci teniamo però a segnalare la vittoria de “Le ragazze del soffio”, un gruppo di donne che fanno parte di un progetto particolare, ovvero l’impresa di onoranze funebri tutta al femminile “Il soffio” che opera a Mestre. Le ragazze hanno corso e camminato lungo le strade della nostra città indossando una maglia bianca particolare contro la violenza sulle donne. Inseriamo qui sotto la loro breve intervista tratta dal profilo della UISP – Venezia.

 

E infine inseriamo le foto scattate lungo il percorso della gara. Dateci un’occhiata, condividetele e sfondatele di like 😉

Posted by Running Team Mestre on Sunday, April 15, 2018

 

Giuseppe Corigliano

15/04/2018 – Rovigo Half Marathon

Tag

,

Circa 700 persone si sono presentate ieri a Rovigo in occasione della 4° Edizione della Rovigo Half Marathon. Il percorso della gara ha interessato il centro storico del capoluogo polesano e le zone periferiche della città. La manifestazione ha preso il via alle 9.30 dal Corso del Popolo, all’altezza del Conservatorio musicale ed è proseguita verso la frazione di Roverdicrè per poi toccare la frazione di Buso e arrivare al traguardo in piazza Vittorio Emanuele II.

A rappresentare Running Team Mestre i nostri Filippo Dabalà, Giancarlo Prete, Monica Menon, Moris Tosi, Arianna Zennaro e Andrea Pennisi che portano a casa la tanto agognata medaglia!

29572392_2129311910620156_562171109119170612_n

 

Segnaliamo in particolare il terzo posto di categoria di Filippo Dabalà che chiude la mezza maratona in 1h21m.

Classifica Ufficiale TDS:

Schermata 2018-04-16 alle 08.24.35

 

Giuseppe Corigliano

 

14/04/2018 – CMP Venice Night Trail

Tag

, ,

Il Venice Night Trail, giunto alla sua terza edizione, è una corsa di gran successo! Le iscrizioni chiuse diversi mesi prima della gara ne è la testimonianza. Oltre 3000 i runner che si sono sfidati lungo un percorso suggestivo da 16 Km  con partenza alle ore 21 dal Terminal passeggeri di San Basilio.

I podisti hanno formato un serpentone lungo e luminoso per via delle lampade frontali che servivano di aiuto per vedere bene il persorso.

25158202_2086378668265182_644153884463431283_n

Una volta partiti i partecipanti si sono diretti ad attraversare il Canal Grande sul ponte di Calatrava, si sono diretti al sestiere Dorsoduro, sono entrati a Cannaregio correndo lungo le fondamenta, attraversando le varie calli per poi arrivare a S. Elena dove c’era un ristoro ad attenderli.

Si è poi passati per Riva dei Sette Martiri passando poi per la bellissima Piazza di San Marco, Ponte dell’Accademia, si sono diretti poi a Punta della Dogana per poi continuare per le Zattere lungo il Canale della Giudecca per poi arrivare al traguardo a San Basilio.

Anche qui i colori del Running Team Mestre non sono mancati. Un breve video con il percorso creato dal nostro runner Fabio Aidone lo trovate in questo breve video.

Segue la classifica ufficiale TDS e alcune foto inviateci dai nostri atleti.

Schermata 2018-04-16 alle 08.09.56.jpg

 

 

Giuseppe Corigliano

08/04/2018 – Maratona di Roma

Tag

,

Alla partenza della Maratona di Roma il Running Team Mestre si presenta con 12 atleti. Ma è all’arrivo che la nostra squadra può festeggiare gli importanti risultati di Carlotta Finotello e Valentina Pavanello che si sono posizionate rispettivamente 15sime e 16esime di categoria. Grandi ragazze!

roma

Abbiamo poi ricevuto una mail da parte di un’alteta che preferisce rimanere anonimo ma che abbiamo voluto riportare qui sul nostro sito!

OGGI SI FA IL PERSONALE

Eccomi, sono alla partenza.

Non ricordo nemmeno come sono arrivato qui, i miei compagni forse mi hanno salutato ed abbiamo fatto qualche foto assieme, ma io sono concentrato solo sulla gara.

Partenza! Il mio corpo scatta, sono davvero io? Ogni passo conta per dieci, pensando a tutti i chilometri anonimi che mi hanno portato qui.

Più corro e più mi accorgo che restiamo in pochi, non guardo il gps, non guardo il tempo, ascolto! Ascolto me stesso, ascolto la gente e l’ambiente. Tutto sommato è una bella giornata per correre, vedo le ville Romane, osservo i monumenti, i miei sensi sono al massimo, sento odori invitanti quando passo vicino ai ristoranti ed alle trattorie, bruschette e Cacio&Pepe, chissà se ai ristori daranno l’aperitivo o solo acqua, al massimo del thè?

Sono già a metà? Com’è possibile? La mia condizione è perfetta, oggi si fa il personale, chissà quanto sarà, ascolto distintamente il suono del tappeto che segna il tempo. Quando passo la gente sorride e mi incita, mi sento come un keniano, nessuno può battermi!

Bambini sui lati mi guardano stupiti e mi battono mi danno il 5. Alcune volte penso di averci messo troppa forza…

Ok, tre quarti di gara sono passati, ormai è fatta, mi giro e vedo un bel gruppo dietro di me che lentamente ma inesorabilmente cerca di prendermi, non mi avrete mai! Ultimo chilometro, sono sempre più vicini, stringo i denti. Mezzo chilometro, mi affiancano, leggo distintamente la scritta “fine corsa” e sento le parole:

Aò, c’ha fai? Vòi montà?

NO, questa volta la finisco!

Runner Anonimo