18/02/2018 – Giulietta & Romeo Half Marathon

Tag

, , ,

medaglia_rtm

Siamo sempre felici quando i nostri atleti scrivono personalmente i post sulle gare, non perché siamo pigri (o forse si), ma perché l’emozione che traspare dalle loro parole ha una forza indescrivibile.

Ringraziamo quindi Stefano Ciancio e godiamoci le sue parole:

50 tondi tondi. E’ con questa nutrita truppa di atlete e atleti che il Running Team Mestre si è presentato domenica scorsa a Verona per partecipare all’11° Gensan Giulietta&Romeo Half Marathon ed inaugurare nel migliore dei modi la stagione 2018. La gara infatti è la prima di quelle previste dai calendari gare relativi sia al Campionato Sociale che al Grand Prix RTM.

Una presenza di gruppo importante all’interno di una competizione di assoluto rilievo (una Gold, secondo la classificazione FIDAL) che ha visto 5.432 partecipanti tagliare il traguardo di Piazza Brà, in un emozionante pelle a pelle finale con la suggestiva Arena scaligera. Giornata fredda e ventosa quella di domenica: ma l’atmosfera del dopo gara che si è respirata nella squadra, tra pizze, brindisi, risate e foto di gruppo, era di quelle calde e piene di soddisfazione.

Soddisfazione espressa in primo luogo dal presidente Stefano Uccelli e dal ‘Vice’ Stefano Bevilacqua che hanno messo in evidenza una prova di gruppo orgogliosa, portata a termine con il massimo impegno da parte di tutti. Il tutto, con l’auspicio di considerare Verona come il punto di partenza per una crescita ulteriore della squadra e per un miglioramento costante dei singoli atleti.

Insomma, se la citazione shakespeariana riportata sulla medaglia della Giulietta&Romeo Half Marathon è “Non c’è mondo fuori dalle mura di Verona”, si può ben dire che il RTM esce da Verona determinato nel consolidare la propria realtà nel panorama podistico.

Per quanto riguarda i risultati dei nostri portacolori, ottima la prestazione di Filippo Dabalà che con il tempo ufficiale di 01:20:03 si è classificato al 116mo posto assoluto, seguito da Andrea Stefenello che grazie al suo 01:21:49 ha conquistato la 158ma posizione, e da Francesco D’Angelo autore di un tempo finale di 01:24:16 che gli è valso il 273mo posto nella graduatoria generale.
Tra le donne il ‘podio’ RTM vede sul gradino più alto Anna Dall’Acqua con 01:51:36, incalzata a ruota da Monica Menon (01:51:50). La terza piazza di questa classifica sociale in rosa è invece per Leonilde Scattolin (01:56:25).

Classifiche a parte, merita particolare attenzione la presenza in gran forze del gruppo Fitwalking, presente a Verona con un numero di camminatrici (per la stragrande maggioranza) e camminatori che hanno sfiorato le 20 unità. Segno evidente di una disciplina che grazie a Running Team Mestre e ai suoi istruttori sta avendo nel territorio veneziano uno sviluppo sia in termini di adesioni che dal punto di vista tecnico. Non è un caso se molti di questi atleti della camminata riescono a lasciarsi alle spalle non pochi runners, come è successo domenica scorsa.

Infine, sempre legata al Fitwalking, una piccola testimonianza personale, da parte di chi ha scritto questo piccolo resoconto sportivo. Per me Verona ha segnato la mia prima mezza maratona. E’ stato un traguardo conquistato al termine di 7 mesi di risalita, dopo che per troppo tempo avevo abbandonato il mio corpo al disordine, con conseguenze fisiche più che preoccupanti (un edema alla retina, 200 di pressione, un pacchetto di sigarette al giorno e 110 chili di peso). Per 21 chilometri mi sono portato sulle spalle la mia storia personale ed è come se l’avessi scaricata oltre quel traguardo, conquistato con un tempo personale che anche se non passerà alla storia dello sport, segna appunto il tempo di una mia rinascita. Dopo il traguardo, ad aspettarmi c’era una ragazzina. Mi ha appeso la medaglia al collo. E io ho risposto grazie, con la voce strozzata.

Lo sport è anche, forse soprattutto, questo: una grande metafora della vita.

A Verona è cominciata una nuova stagione. In tutti i sensi.

Stefano Ciancio

 

PER DOVER DI CRONACA alleghiamo la classifica, ripetendo che era una delle 7 gare valide per il Gran Prix 2018 RTM.

 Forza ragazzi!!!

risultati verona

Tutte le foto scattate nel corso della gara le abbiamo infine raccolte nella nostra pagina Facebook. Le trovate a QUESTO LINK.

18/02/2018 – AIM Energy Trail

Si è corso domenica 18 febbraio l’AIM Energy Trail, gara con partenza e arrivo da Malo (VI). Il trail prevede un percorso di 53 km con ben 2300 m di dislivello positivo. Alla partenza per il Running Team Mestre i nostri Stefano Mercurio Francesco Stefani.

Stefano ha chiuso la gara in 6 ore 16 minuti classificandosi 96.mo assoluto, Francesco ha tagliato il traguardo dopo 8 ore e 15 minuti. Dopo aver chiesto il permesso a Stefano, vi riportiamo il racconto di questo trail postato da lui sul proprio profilo Facebook.

Domenica di febbraio. Piove e tira vento. Quale migliore occasione per una passeggiatina in montagna?
Giusto due (milioni di) passi. Per sentieri. In mezzo al fango. Vagonate di fango. In ogniddove.
Ma è proprio quando il gioco si fa duro che i duri capiscono che non è il caso.
Piove a momenti ed a scrosci e tira vento a tratti.
Nonostante questo sono 449 i personaggi discutibili che prendono il via per la terza edizione dell’AIM Energy Trail, con partenza ed arrivo a Malo.
53 comodi chilometri. 2300 gaudiosi metri di dislivello. E fango, tanto fango (ma forse questo l’ho già fatto presente…)
Si parte in compagnia con Marco e Francesca. Ognuno ha i suoi obiettivi: c’è chi lotta per la classifica, chi fa un “lungo” e chi scopre cose nuove.
Proseguo con Marco per parecchi chilometri, sfruttando la sua esperienza.
Dopo il chilometro 25 ed una salita assassina, un addetto dell’organizzazione ci dice “Attenti, questo sentiero è un po’ cattivo”.
Come dire che l’uragano Sandy era “un po’ umido”.
Diciamo che forse nel pattinaggio su ghiaccio me la cavo meglio che sul fango, ma faccio quello che posso, pur rimanendo indietro.
Ad un certo punto però scivolo. E cado nei rovi. Contraendo un utile muscolo della coscia (può sempre servire, la coscia, nel trail running).
Mi sembra di essere Willy il Coyote. Un po’ scombussolato mi rialzo. La salita successiva è tutto uno scivolare. Mi passa una ragazza con i bastoncini: vorrei dirle di prestarmeli un attimo altrimenti potrei rimanere lì per sempre.
Ma alla fine ce la faccio.
Procedo a rilento. Freddo, fastidio al bicipite femorale, paura del fango. Mi viene il dubbio di dover fare metà gara camminando (ovviamente il ritiro non è contemplato).
Dopo un po’ di chilometri trovo un ristoro abusivo a birra. Mi ricordo del mio titolo di Campione in carica di podismo alcolico. Bevo la birra. Un po’ alla volta mi sto riprendendo. Al successivo ristoro ufficiale prendo un’arancia e due bicchieri di una nota bevanda americana che ha contribuito a rendere sovrappeso generazioni di giovani. E riparto provando a tornare a correre pure in salita.
E, incredibilmente, vado. Non so se sia stata la birra, l’arancia o la dubbia bevanda, ma me ne frego: sono tornato. E vado sia in salita che in discesa. Voglio la rivincita sulla miscela terra/acqua, accidenti!!
A circa 10 dalla fine ritrovo Marco. E si va assieme fino alla fine. Inzuppati ed infangati fino ai capelli (notare la simpatica battuta…) dopo 6 ore e 16 minuti di gara ma, in fondo, soddisfatti!!
Considerando che, nel frattempo, Francesca ha VINTO la gara… Missione compiuta, perbacco!!
E poi tra i discutibili 449 ho ritrovato Francesco, Stefano e Giordano…
Giornata umida ma bella, Grazie ragazzi!!

28336132_591491347867629_691474214103567917_o

Grazie a Stefano per il suo racconto e tanti complimenti per la sua impresa portata a termine insieme all’amico Francesco!

Ricordiamo a tutti che pubblichiamo con piacere i vostri racconti delle gare sul nostro sito. Basta inviarcele via mail a runningteammestre@gmail.com 😉

 

Giuseppe Corigliano

04/02/2018 – Napoli City Half Marathon

L’articolo di oggi è stato scritto da Luisa Parisi perché solo chi c’era può descrivere le sensazioni di questa gara. Ringraziamo la nostra atleta per il suo contributo!

Napoli 4 febbraio 2018

Cielo grigio, temperatura poco sotto i 10 gradi.

Sono le 8.30 si parte.

Dopo una piccola salita si entra in una lunga galleria tutta in discesa che agevola un passo sostenuto.

Finita la galleria, si apre su uno scenario che pare una cartolina: il lungomare di via Caracciolo, racchiuso fra la collina di Posillipo ed il Castel dell’Ovo, che si erge dall’acqua maestoso.

La corsa procede agile, accompagnata dal rumore delle onde del mare leggermente mosso, mentre all’orizzonte, verso il mare, si intravvede l’isola di Capri e, più netto, il Vesuvio.

Si scende, poi, per la Marina e siamo incredibilmente già al decimo km! Inizia un lungo rettilineo alla fine del quale inizia la risalita verso il centro. Da una parte della strada i runner più veloci, concentratissimi, dall’altra quelli – come me – più lenti, che cercano amici dal passo lesto fra i pacer che, a Napoli, non hanno palloncini, ma cartelli rotondi.

Giro di boa e si risale, questa volta direzione Piazza Vittoria, Piazza Trieste e Trento e l’enorme Piazza del Plebiscito.

Pochi spettatori, ma quei pochi applaudono ed incitano col calore tipico dei partenopei!

Si ritorna sul lungomare e siamo già al 15esimo km, quando uno dell’organizzazione, oltre ad incitare, ci ringrazia per essere lì, “per essere venuti a Napoli” dice.

Occhi fissi al mare ed alla collina di Posillipo e si rientra nella lunga galleria, questa volta, però, tutta in salita: siamo al km 17.

Finalmente s’intravvede la luce: la galleria è finita, la salita prosegue ancora per un po’, ma Napoli ci regala uno splendido sole.

Un pacer, con tanto di medaglia al collo, ci incita ad andarcela a prendere urlando: “solo 2 km e mezzo e vi prendete la medaglia!”, abbonandocene 1 (che invece c’è).

Ma non importa: crediamogli.

Il peggio è passato e, dopo il sole, finalmente una dolce discesa, che rende tutto più semplice.

Una svolta a destra e veniamo accolti dalla Marcia di Radetzky, nemmeno fosse Capodanno!

Il parco della Mostra d’Oltremare, gli zampilli delle sue fontane, il cielo terso, il sole e, finalmente, il traguardo!

Per me è personal, ma soprattutto commozione.

Perché Napoli è così: bellissima, calorosa e trionfale!

Luisa Parisi

Hanno portato a termine la gara 3 dei nostri atleti, De Rossi Vladimiro, Gasparini Gabriele e Parisi Luisa.

 

 

Regolamento Grand Prix RTM 2018

Tag

, ,

E’ ufficiale il regolamento del Campionato Grand Prix RTM per l’anno 2018. Siete tutti invitati a prenderne visione.

REGOLAMENTO--1024x389

Per comodità lo troverete sempre reperibile nel menu in alto del sito. Presto inseriremo anche la classifica provvisoria che periodicamente verrà aggiornata con i punteggi assegnati ad ogni atleta.

Buone corse e che vinca il migliore!

11/02/2018 – Corri in maschera

Tag

, , ,

Domenica 11 Febbraio, con la collaborazione del Comune di Venezia, Amatori Atletica Chirignago, Essetre Running, Running club Venezia, Running Team Mestre, Nordikwalking Italia, Venicemarathon Running Team, si terrà la CORRI IN MASCHERA.

La partenza è prevista per le ore 9:30 da via S.Pio X a Mestre. Si correrà lungo le strade del centro della nostra città. Il percorso sarà in sicurezza grazie al lavoro della Polizia Locale e di molti volontari. Le distanze previste sono: 1,5 – 5.3 – 10.6 km.

Si invitano i partecipanti ad indossare un costume o una maschera di Carnevale. L’evento è aperto ai runner di tutte le età.

Vi sarà anche il consueto ristoro finale e  il deposito borse.

Vi aspettiamo numerosi 😉

A5-corri in maschera

 

Fabio Aidone

28/01/2018 – Mezza Maratona Città di Ragusa

Il Running Team Mestre oggi ha corso anche molto a Sud. A difendere i nostri colori ci ha pensato Andrea Pennisi che nella sua regione natale ha disputato la STRARAGUSA, la mezza maratona della città di Ragusa.

Andrea ha tagliato il traguardo in 2 ore 5 minuti e ci ha inviato fiero la foto con la sua meritata medaglia. Grande Andrea!

WhatsApp Image 2018-01-28 at 12.54.59_lmark.jpg

 

Giuseppe Corigliano

27/01/2018 – 3° Winter Night Run

Tag

, , ,

Sabato si è corsa la terza edizione della WINTER NIGHT RUN. La gara è partita dal Lago di Landro in direzione Dobbiaco (BZ). Il percorso, caratterizzato da un passaggio ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo,  segue il tracciato della ex ferrovia, costeggia il Lago di Dobbiaco e si conclude alla Nordic Arena.

La gara competitiva di 12 km ha visto impegnati ben 10 atleti del Running Team Mestre che hanno voluto sfidare il freddo e il percorso innevato. Ecco in dettaglio i loro risultati.

winter.jpg

Bravi ragazzi! Come sempre vi lasciamo con gli scatti che ci hanno inviato dal campo di gara.

Giuseppe Corigliano

Regolamento Campionato Sociale 2018

E’ ufficiale il regolamento del Campionato Sociale del Running Team Mestre per l’anno 2018. Siete tutti invitati a prenderne visione.

REGOLAMENTO--1024x389

 

Per comodità lo troverete sempre reperibile nel menu in alto del sito. A breve inseriremo anche la classifica provvisoria che periodicamente verrà aggiornata con i punteggi assegnati ad ogni atleta.

Buone corse e che vinca il migliore!

 

 

21/01/2018 – 43a Montefortiana

Domenica 21 gennaio si è disputata la 43sima edizione della MONTEFORTIANA, tradizionale appuntamento nel veronese orientale. Diverse le gare a cui hanno partecipato gli atleti del Running Team Mestre.

Alle ore 8.00 da via Dante a Monteforte d’Alpone ha preso il via la ECOMARATONA COLLIS di 26 km e con ben 900 m di dislivello positivo. Il tracciato quasi interamente su sterrato si snoda tra le campagne della provincia veronese. Percorso duro, ma panoramico tra vigneti e uliveti.

Ecco i risultati dei nostri atleti!

Schermata 2018-01-22 alle 14.29.31

Bravissime le nostre Carlotta Finotello e Valentina Pavanello che tagliano il traguardo insieme conquistando un ottimo 19.mo e 20.mo posto assoluto.

Alle ore 9.30 ha preso poi il via la 24.sima edizione della Maratonina Falconeri una 21 km competitiva che attraversa le colline di Soave. Ottimo Filippo Dabalà, 17.mo assoluto al traguardo!

Schermata 2018-01-22 alle 14.41.33

Come sempre concludiamo postando le foto che i nostri atleti ci hanno mandato dal campo di gara. Come potete notare, i ristori alla Montefortiana rimangono sempre TOP!

Giuseppe Corigliano

14/01/2018 – 12a Marcia della Lucciolata e della Solidarietà

 

Siamo fotogenici, è l’unica spiegazione del fatto che siamo in quasi tutte le foto delle premiazioni! Siamo talmente belli che ci lasciano passare!
D’altronde 2° posto come squadra, 2° e 3° come donne sui 21km, podio pieno per il fitwalking e chi più ne ha più ne metta…non è un una cosa da tutti!

Scherzi a parte, la vera vincitrice della 12ma Marcia della Lucciolata e della Solidarietà è stata la grande affluenza che ha visto oltre 1200 runners affrontare i 3 percorsi di gara.

Forza ragazzi, continuiamo così.

 

Fabio Aidone